L’estate di Roberta.

person Autore: Macri list In: Segni creativi il: comment Commenti: 0 favorite Mi piace: 17

Sono stata fuori tre settimane, lo so. Mia madre è arrabbiata con me, le avevo detto che sarei stata fuori solo 5 giorni, ma lui mi ha preso la mano e mi ha portata in ogni luogo che avevo nominato prima che partisse, prima che andasse via.

Ho capito che la felicità è fatta di attimi improvvisati e rubati alla routine.

Mi son portata dietro i miei portafortuna Macrì, per fare in modo che i cattivi pensieri non rovinassero alcun momento.

Dopo 4 giorni passati insieme ad Amsterdam, tra canali, ristoranti, parchi, musei, mulini, luci romantiche, ponti illuminati e corse in bicicletta siamo tornati a Napoli, per poi ripartire di nuovo.

E Via a Sorrento, tra il mare, i limoni e il cibo.

Di corsa ad Amalfi, in un b&b con una mansarda sul mare, e i tuffi in acqua, il giro in barca, il vino bianco, i dolci e gli spaghetti ai frutti di mare.

E perché poi non un’isola?

  • “Facciamo il bagno a Salina”
  • “E poi?”
  • “E poi staremo insieme ancora, io tu e il mare”

 

Di corsa verso il porto, andiamo, corriamo, io con le mie borse Macrì, quelle grandi e quelle piccole, con le mie ballerine e sneakers che mi hanno salvata e accompagnata per le strade che ho percorso in queste tre settimane.

Abbiamo fatto il bagno tra i vecchi pescatori, visto il tramonto su Stromboli e dormito nella cabina di un’enorme barca a vela.

  • ” Andiamo a Gallipoli, ti va?”
  • “Si.”

Nessuno avrebbe mai potuto fermarmi dal seguirlo ovunque. E quindi siamo andati anche lì, viaggiando in auto tra le strade calde della Puglia, fermandoci solo per comprare olio e vino.

 

Gallipoli era stupenda, con il suo mare, le sue mura e le strade strette, vecchie e profumate di sale.

Poi ho capito che forse quella sarebbe stata la nostra ultima tappa insieme.

  • “Partirai ancora, vero?”

Lui è rimasto in silenzio, ed io ho capito che quelle tre settimane di gioventù estrema e di attimi indimenticabili era il suo Addio.

Siamo tornati a Napoli in silenzio, scambiandoci sorrisi malinconici.

Stamattina mi sono svegliata nella mia stanza, sotto i miei quadri Macrì: ero tentata di cedere alla tristezza, ma poi ho aperto la finestra e c’era Posillipo sotto i miei occhi, la luce che brillava sul mare e ho pensato che devo essere come Napoli stessa.

Pronta a rinascere e rinnovarsi sempre.

Il mare guarisce ogni ferita. 

Roberta

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre